ETIOPIA

DANCALIA

(durata 10 giorni – 09 notti)

pdf_download

1° giorno
MILANO/ROMA-ADDIS ABEBA

Volo notturno Milano/Roma-Addis Abeba (arrivo a Addis Abeba previsto la mattina del giorno seguente).

Arrivo ad Addis Abeba e trasferimento in hotel. La giornata è dedicata alla visita della capitale africana. Addis Abeba: Nuovo fiore. Si visiterà il Museo Nazionale che conserva importanti reperti sabei e resti fossili di Australopithecus Afarensis fra cui la celebre Lucy, un ominide vissuto nella valle dell’Awash tre milioni e mezzo di anni fa. Visiteremo anche il Museo Etnografico, che ospita una splendida collezione di strumenti musicali e di croci copte e le stanze con gli arredi dove abitò l’imperatore Hailè Selassiè. Nel tardo pomeriggio giro panoramico della città.

Rientro in hotel, cena e pernottamento.

2° giorno
ADDIS ABEBA – KOMBOLCHA

All’arrivo si lascia la capitale in direzione nord seguendo il percorso che dallo Shoa conduce alla regione dei Wollo. La strada – in parte asfaltata – taglia ambienti di inimmaginabile freschezza in un saliscendi che scopre improvvisi squarci di verde intenso tra boschetti di eucalipti e piccoli villaggi di campagna: un passaggio tra genti che si muovono a piedi avvolti in quei loro tipici cotoni bianchi che ne fanno delle figure quasi bibliche. Dopo un primo tratto di saliscendi la strada giunge a Debre Birhan, dove diventa ripida e lascia aperture su vasti panorami di campi, pascoli e villaggi. Si inerpica sino ai 3100 metri di quota del passo Terma bèr: superata la “Galleria Mussolini”, costruita dagli italiani nel 1937-38, si raggiungono la piana di Robit ed il villaggio di Sembete, dove ogni domenica il suo mercato vede l’affluire di nomadi Afar che scambiano i loro prodotti tipici con le popolazioni di montagna, gli Amhara e gli Oromo. È interessante il confronto tra i costumi di queste popolazioni: alcuni degli uomini dell’altopiano indossano sopra i pantaloni il “waya”, una sorta di abito che viene spalmato di grasso per renderlo impermeabile, mentre le donne portano tuniche dalle maniche lunghe. Tra gli Afar c’è chi indossa un gonnellino di cotone bianco e un drappo di cotone che lasciano cadere sulla spalla; ancora oggi capita di incontrare donne da sposare che vanno a seno nudo, mentre quelle sposate lo coprono con un velo nero trasparente. Arrivo a Kombolcha, situata a 1800 metri di altitudine. Sistemazione in hotel

3° giorno
KOMBOLCHA – BATI – ASAYTA

Partenza in direzione della depressione della Dancalia, visitando lungo il per corso il grande mercato di Bati, luogo di incontro delle genti Wollo, Afar e Oromo che qui scambiano verdure, spezie, sale e burro: un’esplosione di colori e odori. Proseguimento per Asayta, l’antica capitale del sultanato afar di Aussa, punto di partenza delle esplorazioni nella Dancalia con la Piana del Sale, una delle più profonde depressioni terrestri che rivela, nei suoi inconsueti aspetti geologici, la storia della tumultuosa attività vulcanica e dei movimenti tellurici che forgiarono queste terre milioni di anni fa. Sistemazione in una struttura assai modesta, dove saranno messe a disposizione piccole camere singole o doppie o, in alternativa, piacevoli terrazze sulle quali sono posti i letti, tutti coperti da grandi zanzariere. Pensione completa.

4° giorno
ASAYTA – LAGO AFRERA

Visita della vecchia moschea e del mercato di Asayta, dove si radunano moltissimi nomadi che qui giungono per vendere sale, tessuti multicolori, ceste e stuoie per rivestire le capanne: è il primo vero incontro con i popoli della Dancalia. Partenza per il lago Afrera, situato a 112 metri sotto il livello del mare nel cuore della depressione dancala. Giungere in Dancalia è come approdare su un altro pianeta: cambiano le prospettive, le dimensioni dello spazio e del tempo. Il fascino di questa terra piatta e spoglia, arsa e senza ombra, solcata da miriadi di crepe aperte dal calore del sole, caratterizzata da straordinarie concrezioni saline che si colorano talvolta di mille striature, sta proprio qui, nella sua rigorosa simmetria, nella sua uniformità e desolazione. Sistemazione al campo nei pressi del lago salato Afrera, un tempo conosciuto come lago Giulietti. Pensione completa.

5° giorno
LAGO AFRERA – ERTA ALE

Possibilità di un breve percorso a piedi nei dintorni del lago Afrera, tra le grandi saline. Partenza lungo una pista che porta nel cuore della Dancalia. In questo territorio, considerato fra i più ostili alla vita, un popolo ha comunque saputo trovare i mezzi per sopravvivere. La Dancalia è infatti la terra degli Afar, anche chiamati Dancali o Danakili, genti di pelle nera ma con i lineamenti affilati degli arabi, allevatori di cammelli o dediti ad una povera pastorizia, nomadi in perenne movimento, mercanti di sale. Fieri, orgogliosi, gelosi della propria indipendenza, vivono in accampamenti familiari formati da poche capanne, che smontano e rimontano durante le loro peregrinazioni trasportandone il telaio e le stuoie a dorso di cammello. I tatuaggi e le scarificazioni stanno ad indicare il clan e la tribù di appartenenza. Rari sono i villaggi stanziali. Proseguimento lungo una pista che si snoda tra sabbia e lava, attraversando alcuni villaggi Afar in direzione del vulcano Erta Ale – il “Monte che fuma” -, ultimo di una catena di vulcani nella parte centrale della depressione dancala. Posta su una dorsale parallela al Mar Rosso, tutta la zona è interessata da fenomeni di vulcanesimo. Nel pomeriggio, quando il sole comincia a calare, cominceremo la salita fino alla sommità della caldera. Il dislivello è di soli 500 metri ma occorrono 3/4 ore circa su un sentiero tracciato nella lava. Il campo verrà attrezzato per la notte sulla cima del vulcano con stuoie, materassini e sacco a pelo. Al buio, solo illuminati dai vivissimi bagliori del vulcano, raggiungiamo il bordo della caldera: lo spettacolo della lava in continuo movimento e del magma che sembra affiorare dalle viscere della terra è straordinario e rappresenta uno dei momenti salienti del viaggio.

6° giorno
ERTA ALE – AHMED ELA

Dopo un’eventuale ulteriore esplorazione della zona, iniziamo la discesa in direzione del campo base. Dopo il pranzo partenza per la Piana del Sale. La pista, una volta lasciata l’immensa distesa di lava, passa per una pianura alluvionale dove spicca una catena di vulcani, che nella stagione delle piogge si allaga lasciando spazio a pascoli verdi. Proseguimento per il villaggio di Vaideddu e la Piana del Sale che, quasi all’estremità nord della depressione dancala, si estende fino al confine dell’Eritrea. Qui le carovane di dromedari e muli arrivano ogni giorno dall’altopiano etiopico per tornare la sera con il loro carico di sale. Sistemazione nelle capanne afar, semplici strutture in legno e paglia all’interno delle quali sono posti dei letti. Pensione completa.

7° giorno
AHMED ELA – DALLOL – AHMED ELA

Al mattino presto, attraversando quel lo che una volta era il fondo di un mare ed ora è una pianura infinita di sale, partiamo per Dallol. La “Collina degli spiriti” è alta una cinquantina di metri: qui la terra ribolle, i geyser sono in attività, le formazioni di cristalli hanno geometrie bizzarre. Sorgenti sulfuree, coni di sale, camini di fa te creano un paesaggio quanto mai suggestivo. Ferite di fuoco emettono pietre roventi, volute di fumo e vapori, ribollii sotterranei generano cascate saline multicolori, disegnano intarsi e ricami di ferro e di zolfo. Percorrendo a piedi un sentiero si raggiunge una distesa di colori sorprendenti: rosso, verde, giallo, alternati senza logica apparente. Ritorno ad Ahmed Ela e nel pomeriggio esplorazione della zona della cava del sale, dove gli Afar scavano solchi rettangolari sino a raggiungere lo strato più profondo dal quale, aiutandosi con bastoni usati come leva, sollevano i blocchi di sale e li riducono di dimensioni tali da poter essere trasportati sui dromedari. Proseguimento per il piccolo monte di sali di magnesio chiamato Assa Ale, il “Monte rosso”, un’isola formata da alcuni spuntoni di solfato di magnesio che si ergono nel lago Assale, a 116 metri sotto il livello del mare. Pensione completa.

8° giorno
AHMED ELA – ASSO BOLE

Mattinata a disposizione per ulteriori esplorazioni nella Piana del Sale, dove ferve il lavoro di estrazione del salgemma e al lago “in movimento” di Assale, che raggiunge la profondità massima di un paio di metri. Nel pomeriggio partenza per Asso Bole (18 km), l’ultimo villaggio afar che sorge sul fiume Saba, crocevia, soprattutto il sabato, delle carovane che salgono verso i mercati dell’altopiano o scendono verso le cave di sale. Sistemazione al campo. Pensione completa.

9° giorno
ASSABOLO – MELABIDAY – AMBA GHERALTA

Percorso a piedi (17 km) in leggera salita tra le rosse pareti di arenaria del canyon del Saba, un piccolo corso d’acqua stagionale che occorrerà attraversare diverse volte (l’acqua arriva appena alla caviglia). Sul fiume le carovane vanno e vengono o sostano per riposarsi e rifocillare gli animali. I carovanieri preparano il loro pane, la tipica “burgutta”, cotta sulle pietre. Arrivo al villaggio di Melabiday Tempo a disposizione. Qui, nei pressi delle loro capanne, le donne preparano il pane, alcune carovane si fermano per lasciare riposare i dromedari, la gente è ospitale. Al tramonto arrivo al villaggio di Melabiday poi si riparte per Gheralta.     Pensione completa.

 10° giorno

GHERALTA – MEKELLE VOLO – ADDIS ABEBA – ROMA/MILANO

La giornata è dedicata alla scoperta delle chiese del Tigray, significative e interessanti quanto quelle di Lalibela, ma assolutamente meno famose e meno visitate dalla maggior parte dei viaggiatori. Le amba sono particolari formazioni rocciose con la cima quasi piatta e le pareti verticali. Gheralta è un’amba importante: tra le sue rocce sono, infatti, custoditi almeno un quarto dei grandi monumenti di pietra della regione del Tigray. Un reticolo di chiese aggrappate a montagne a volte inaccessibili sono forse il segreto meglio conservato dell’Etiopia ortodossa. Le chiese rupestri furono realizzate tra l’VIII e il XV secolo da squadre di scavatori e architetti, artisti e scalpellini, in genere semi-monilitiche o costruite all’interno di grotte, sono decorate da preziosi affreschi che ricoprono le pareti e i soffitti intonacati di bianco. La prima chiesa fu scoperta fortuitamente nel 1868 a Wukro da una spedizione inglese, ma è solo un secolo dopo che un censimento dell’archeologo Tewlde Madhin, dopo lunghe e difficili ricerche data l’inacessibilità di molti luoghi, documenterà l’esistenza di ben 123 chiese. Oggi i ricercatori hanno censito oltre 150 chiese rupestri, di cui tre quarti ancora in uso.

Si visiteranno le chiese Abraha Atsba, e Medahanialem Adikersho, raggiungibili dopo facili passeggiate e agili salite.

nEL TARDO POMERIGGIO Trasferimento in aeroporto di Mekelle e partenza con il volo diretto ad Addis Abeba da cui si prosegue a tarda notte con il volo di rientro in Italia. Mezza Pensione.

il programma, nel corso di svolgimento, potrebbe subire per motivi organizzativi

modifiche nella sequenza delle visite ma non nei suoi contenuti

ALBERGHI:

ADDIS ABEBA: Ambassador Hotel o similare   http://www.boleambassadorhotel.com/

KOMBOLCHIA :        SUNNY SIDE HOTEL

ASSAITA : BASHA AMARE HOTEL

AFDERA: IN TENDA

ERTALE: IN TENDA

HAMMEDELA: IN TENDA

GHERALTA: Gheralta Lodge o similare http://www.gheraltalodgetigrai.com/

DAY USE : Ambassador Hotel o similare           http://www.boleambassadorhotel.com/

QUOTE INDIVIDUALI DI PARTECIPAZIONE IN CAMERA DOPPIA E MEZZO DI TRASPORTO JEEP 4X4

NB: VEDERE IN FONDO PER SUPPLEMENTO SINGOLA

NUMERO PAX QUOTAZIONE PER PERSONA
01 PAX PAGANTI 5500.00 USD
02 PAX PAGANTI 3250.00 USD
03 PAX PAGANTI 3040.00 USD
04 PAX PAGANTI 2305.00 USD
05 PAX PAGANTI 2270.00 USD
06 PAX PAGANTI 1980.00 USD
07 PAX PAGANTI 1945.00 USD
08 PAX PAGANTI 1935.00 USD
09 PAX PAGANTI 1805.00 USD
10 PAX PAGANTI + 1 TL FREE 1690.00 USD
11 PAX PAGANTI + 1 TL FREE 1645.00 USD
12 PAX PAGANTI + 1 TL FREE 1500.00 USD
13 PAX PAGANTI + 1 TL FREE 1480.00 USD
14 PAX PAGANTI + 1 TL FREE 1455.00 USD
15 PAX PAGANTI + 1 TL FREE 1395.00 USD
16 PAX PAGANTI + 1 TL FREE 1380.00 USD
17 PAX PAGANTI + 1 TL FREE 1320.00 USD
18 PAX PAGANTI + 1 TL FREE 1225.00 USD
19 PAX PAGANTI + 1 TL FREE 1205.00 USD
20 PAX PAGANTI + 1 TL FREE 1180.00 USD
SUPPLEMENTO CAMERA SINGOLA 85 USD

 N.B  Tutti i prezzi sono in Dollari Americani

LA QUOTA PREVEDE:

  • Pernottamenti in hotel categoria e i migliori esistenti nei vari posti
  • I pasti full board compresa l’acqua minerale in bottiglia
  • Trattamento di pensione completa
  • jeep private 4×4 modello post 2015 con l’aria condizionata per ogno 4 pax 1 jeep
  • tutti gli ingressi a monumenti, musei, aree archeologiche e parchi in programma
  • Presenza di guida locale parlante italiano durante tutto il viaggio ( Belayneh)
  • Costi del TL italiano oltre i 10 partecipanti paganti ( pensione completa)
  • Scout  , militari e guide locali
  • Tutto il materiale per  campeggio
  • 1 camera day use ultimo giorno ad Addis per ogni 4 pax
  • Cuoco per i pernottamenti in tenda
  • Tenda a igloo

LA QUOTA NON PREVEDE:

  • Le bevande alcoliche ai pasti
  • Tutti gli extra a carattere personale
  • Eventuali mance
  • Tutto quanto non riportato alla voce “La quota prevede”
  • Voli di linea Ethiopian Airlines Roma-Addis Abeba / Addis Abeba – Roma
  • Voli interni Ethiopian Airlines / Mekelle – Addis Abeba
  • Assicurazione Viaggio
  • I voli aeri per l’accompagnatore TL free
  • Tassa di ingresso per il visto 50 usd

BELAYNEH KASSIE

ADDIS ABEBA

ETHIOPIA

pdf_download